News‎ > ‎

L'istituto "Central Asia-Caucasus" affiliato alla Johns Hopkins University di Washington ospita un seminario USA - Uzbekistan

pubblicato 20 apr 2015, 04:35 da Rocco Abram
Si è svolto, presso l'istituto "Central Asia-Caucasus", un seminario sull'efficienza del sistema giudiziario. Vi hanno partecipato eminenti membri dell'accademia statunitense, ed altri importanti rappresentanti del sistema giudiziario americano, fra cui il direttore dell'istituto Stephen Frederick Starr, il Giudice della Corte Superiore della Contea di Santa Clara Jeremy Fogel, il ricercatore senior Wojtek Sokolowski, ed un rappresentante della prestigiosa azienda legale ultracentenaria White & Case.

Il seminario ha discusso le principali direzioni delle riforme giudiziarie e legali in Uzbekistan e l'uso delle moderne tecnologie dell'informazione e della comunicazione per garantire la trasparenza e l'apertura dei tribunali, così come l'esperienza degli Stati Uniti in questo campo. L'incontro ha prodotto informazioni dettagliate sullo sviluppo del sistema giudiziario nella Repubblica dell'Uzbekistan. Una componente importante di questo evento è stato quella di discutere ulteriormente la cooperazione tra gli Stati Uniti e la Repubblica dell'Uzbekistan in questo settore.

Il seminario è stato aperto dal moderatore, lo stesso direttore dell'Istituto "Central Asia-Caucasus", che ha sottolineato che lo sviluppo del sistema giudiziario è già stato oggetto di discussione da parte dei ricercatori. Il direttore Starr ha sottolineato la necessità di valutare la creazione ed il miglioramento del sistema giuridico che è in pratica partito da zero in un paese che ha completamente abbandonato il vecchio sistema e ha scelto la strada dello sviluppo, tra cui la formazione di un nuovo sistema di relazioni in ambito giudiziario. A questo proposito, ha sottolineato l'importanza del seminario con la partecipazione diretta di esperti legali di entrambe le parti.

Il giodice Fogel ha espresso apprezzamento per la completezza ed il dettaglio delle informazioni fornite dalla parte uzbeka sulla riforma legale e giudiziaria esistente e sulle sfide future.

Il rappresentante dello studio legale "White & Case, H.Ham, ha sottolineato il forte impegno della Repubblica dell'Uzbekistan al fine di garantire lo stato di diritto, che si manifesta nella piena tutela dei diritti degli investitori e delle loro proprietà, nonché la conformità con i suoi obblighi internazionali in questo campo. Ricordando la loro esperienza positiva con il Ministero della Giustizia dell'Uzbekistan, H.Ham ha notato il crescente ruolo di arbitrato internazionale nelle controversie riguardanti i reclami e, allo stesso tempo, ha sottolineato che la parte uzbeka non accetta attività di investimento illegali nel paese.

Il discorso di Sokolowsky si è incentrato sullo stato di diritto in relazione con lo sviluppo della società civile. Riferendosi alle sue ripetute visite in Uzbekistan fra il 2013 ed il 2014, Sokolowsky ha detto che è effettivamente convinto della realizzazione pratica del principio "Da uno Stato forte per una società civile forte". Inoltere ha anche elogiato il ruolo del 'Mahalla' come istituzione di mediazione e procedimento cautelare, che riflette i valori e la mentalità del popolo uzbeko.

Questo seminario ha suscitato commenti positivi dei circoli di esperti americani che hanno espresso interesse per una conoscenza più stretta con lo sviluppo del sistema giudiziario nella Repubblica dell'Uzbekistan. È stato osservato che la pratica debba continuare incontri simili in Uzbekistan anche in forma di dibattito che potrebbe rivelare ulteriormente la portata giuridica e filosofica delle riforme nel paese.

L'Istituto "Central Asia-Caucasus" ed il programma "Silk Road Studies" costituiscono un centro di ricerca e di policy transoceanico. L'Istituto è indipendente e finanziato da privati, e ha uffici a Washington, DC, ed a Stoccolma, in Svezia. Il Centro è affiliato con il  Paul H. Nitze School of Advanced International Studies of Johns Hopkins University, e con l'Istituto per la Politica di Sicurezza e di Sviluppo con sede a Stoccolma.
Comments